Nightlife: We are One

We are One / MiW 1st Birthday

5 marzo 2011
Scalo San Donato
Bologna

Siamo nate per far festa una notte sola e…quella notte non è mai finita. Un anno è già trascorso, come in un lampo, tra nuove realtà fatte da Made in Woman e nuove fantasie realizzate da donne.

Abbiamo suonato, danzato, cantato, disegnato, proiettato, letto, scritto, recitato. Abbiamo desiderato, immaginato e subito realizzato. In questo anno abbiamo semplicemente…vissuto. E se siamo ancora qui è perchè in tant* hanno aggiunto un pezzetto a questa storia: qualcun* ha scritto con noi le pagine più difficili, altr* hanno suggerito le parole quando non si trovavano, altr* ancora hanno ascoltato, letto, sottoscritto, approvato o criticato regalandoci la forza e l’energia.
Dal Circolo della Grada, che ci ha viste nascere e ha creduto subito nel nostro progetto, ai Giardini Fava, Michi, Damiano e l’Associazione Universo, che hanno ospitato il nostro evento più importante (Made in Woman Festival), allo Scalo San Donato di Planimetrie Culturali, che ormai chiamiamo “casa”, passando per Betty&Books, dove abbiamo condiviso immaginari comuni di redifinizione del piacere femminile e abbiamo fatto dell’arte e dell’eros un “gioco”, agli aperitivi al Pratello, al Tarcaban, al Punt?, al Caffè dei Servi, all’Osteria Colle Ameno, oasi artistica e culinaria del suo borgo, fino all’adorato Barattolo Cafè, quel piccolo grande meltin pot di umanità e cultura dove ci vengono le idee migliori… Sono tanti i luoghi che abbiamo attraversato e amato, e ancor più le persone, i collettivi, le associazioni che negli ultimi dodici mesi hanno camminato strette strette al nostro fianco, supportandoci e sopportandoci. Questo nostro enorme GRAZIE, amic*, non sarà mai abbastanza.

Made in Woman compie un anno esatto il 5 marzo 2011 e ogni riferimento alla festa della donna NON è assolutamente casuale: se abbiamo scelto questa data è per ricordarci di ‘noi’ senza ricorrere a mimose, striptease e altre banalità di cui abbiamo visto troppe repliche.  Sempre alla ricerca di donne che fanno dell’arte e della cultura una realtà da vivere e condividere, siamo nate per per invadere luogo possibile con il nostro immaginario, contaminando spazi per sottrarli al consumo, alla mercificazione, allo svuotamento dei corpi delle donne, irrompendo in ogni dove con il nostro corpo pieno, debordante di creatività, straripante di desiderio.
Era il 5 marzo 2010, era la non-festa della donna. Quella festa non è mai finita!